/ EVENTI

Fellini100, la retrospettiva completa dei film restaurati parte dal BFI di Londra

Inizia a Londra, nella prestigiosa sede del British Film Institute, il viaggio della retrospettiva completa di Federico Fellini, che porterà in tutto il mondo i film del regista riminese

Descrizione

Organizzata dal BFI in collaborazione con Istituto Luce Cinecittà, la retrospettiva londinese è la prima tappa di un tour ufficiale che porterà i capolavori nelle principali sedi culturali e istituti cinematografici di tutto il mondo e fa parte di Fellini100, una serie di omaggi per il centenario felliniano coordinati dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo.

Nei due mesi di programmazione (gennaio – febbraio 2020) gli spettatori inglesi potranno ammirare tutti i capolavori di Federico Fellini in una nuova versione restaurata digitalmente da Luce - Cinecittà, Cineteca di Bologna e Cineteca Nazionale. Inoltre La dolce vita, definito da Martin Scorsese “il film che ha conquistato il mondo”, I vitelloni, Otto e mezzo, Giulietta degli spiriti e Le notti di Cabiria per l’occasione verranno distribuiti nella nuova versione restaurata 4K anche nei più importanti cinema di tutto il Regno Unito.

La retrospettiva al BFI, curata da Pasquale Iannone, non seguirà un ordine cronologico ma percorsi tematici. A gennaio la sezione “Walkers and Wanderers”, incentrata su un filone narrativo legato al viaggio, racchiuderà film come La Strada e La Voce della Luna, mentre nella sezione “Spectacle and Society” verranno riproposti tra gli altri Ginger e Fred e Fellini Satyricon.

Il weekend del 18 e 19 gennaio – che precede la data del 20 gennaio, giorno esatto del centesimo anniversario della nascita di Fellini – sarà contraddistinto da una serie di incontri dedicati all’eredità lasciata dal maestro italiano, dalla sua passione per il fumetto e il disegno fino al rapporto del regista con le sue città del cuore, Rimini e Roma.

A febbraio la retrospettiva si concentrerà sui film più apertamente autobiografici di Fellini all’interno della sezione tematica Self-Portraits and Dreams”. Il lavoro felliniano è stato sempre caratterizzato da un fortissimo tratto onirico, come I vitelloni, incentrato sull'adolescenza del regista, il premio Oscar Amarcord, Roma, dove Fellini riflette per la prima volta sulla sua infanzia e sul suo arrivo nella Città Eterna negli anni '30, Otto e mezzo, in cui affronta in maniera ironica l'esperienza del blocco creativo e Giulietta degli spiriti, frutto del suo interesse per il mondo dei sensitivi e dei veggenti. Sempre a febbraio saranno proiettati anche tre episodi di progetti collettivi diretti da Fellini, tra i quali Agenzia Matrimoniale (episodio de L’amore in Città), Le Tentazioni del Dottor Antonio (da Boccaccio ’70) e Tony Dammit, realizzato per il film Tre Passi nel Delirio.

Il programma completo e dettagliato della retrospettiva è consultabile qui.

 

<iframe width="560" height="315" src="https://www.youtube.com/embed/Iu31qX4MJ7w" frameborder="0" allow="accelerometer; autoplay; encrypted-media; gyroscope; picture-in-picture" allowfullscreen></iframe>