/ NEWS

Costume design… nello Stile Italiano” è il titolo dell’incontro che si terrà il 24 ottobre al MAXXI - Museo nazionale delle Arti del XXI secolo di Roma, moderato dalla celebrata costumista Deborah Nadoolman Landis, insieme a Daniela Ciancio, Eva Coen, Stefano de Nardis, Gabriella Pescucci, Carlo Poggioli. Prodotto dall’Academy of Motion Picture, Arts and Sciences e la Festa del Cinema di Roma, in collaborazione con ASC, Istituto Luce Cinecittà e il supporto di Swarovski.

Abiti, costumi di scena, gioielli, accessori sono fondamentali nella creazione dei personaggi che popoleranno un film, sono intrinsecamente legati alla materia che lo renderà un’opera d’arte.

Deborah Landis, con un master in Costume Design, è il direttore del David C. Copley Center for Costume Design della UCLA e fa parte dell’Academy of Motion Picture, Atrs & Sciences, Costume Branch.  È la creatrice di costumi iconici, come quelli indossati da Harrison Ford ne “I predatori dell’Arca Perduta” o la celebre giacca di pelle rossa usata da Michael Jackson in “Thriller”.

In questo incontro, analizzerà i segreti del suo settore e il ruolo che esso ricopre all’interno della creazione filmica insieme ai colleghi Daniela Ciancio (La Grande Bellezza, Il Divo, Mission Impossible III),  Eva Coen (Adored, Let’s Mambo, Crimes) Stefano de Nardis (Coco Chanel, All the Money in the World, Catch-22), la vincitrice Oscar Gabriella Pescucci (L’età dell’Innocenza, C’era una volta in America, La Fabbrica di Cioccolato) e Carlo Poggioli (Ritorno a Cold Mountain, Divergent, Youth, The Young Pope) focalizzando l’attenzione sull’importanza dei costumi all’interno di un film,  e di quanto questi aiutino lo spettatore a identificare i personaggi.

Questo evento è presentato con il sostegno di Swarovski, protagonista di indimenticabili pellicole fin dagli anni ’50, quali “Gli Uomini Preferiscono le Bionde” con Marilyn Monroe e “Colazione da Tiffany” on Audrey Hepburn, che prosegue oggi in opere quali “Cenerentola”, “La Bella e la Bestia” e il recente bio-pic di Elton John, “Rocketman”.